panini di heidi

Panini di Heidi

Panini di Heidi ho voluto chiamarli così, perchè sono proprio quelli che l’icona della nostra infanzia amava tanto.

Chi di voi non ricorda Heidi seduta nei prati con Peter a mangiare questi panini?

Oppure a tavola con il nonno imbottiti di formaggio?

Come li gustava con gusto Heidi!

Beh oggi ho voluto prepararli per ricordare i momenti della mia infanzia passati a guardare questo bellissimo cartone.

Questi panini non sono conosciuti solo per il cartone animato Heidi,  hanno un vero nome, sono i  Laugenbrot, panini tipici della tradizione del Sud Tirolo, dell’ Austria e della Germania.

Vengono di solito guarniti con semi di papavero, sale grosso, semi di zucca o semi di sesamo.

Possiamo scegliere i semi che più amiamo, io li ho preparati con i semi di papavero e il sale grosso.

La particolarità di questi panini è il loro colore bruno, che viene ottenuto grazie ad una bollitura in acqua e bicarbonato prima della cottura in forno.

Si avete capito bene, vanno bolliti per 30 secondi per poi terminare la cottura in forno.

All’interno della ricetta troverete una videoricetta che renderà tutto più semplice e chiaro.

Allora vi ho incuriositi?

Vediamo insieme come fare.

 

Panini di Heidi

 

  • Difficoltà: Bassa
  • Preparazione: 30 minuti
  • Cottura: 20-25 minuti
  • Dosi: per circa 20 panini
  • Costo: Basso

Ingredienti

Per la pasta

  • 500 gr di farina tipo 1 Molino Orsili
  • 50 gr di burro
  • 5 gr di malto o miele
  • 5 gr di sale
  • mezzo cubetto di lievito
  • un cucchiaino di zucchero
  • acqua q.b.

 

Per la bollitura

  • 2 litri di acqua
  • 3 cucchiai di bicarbonato

Per guarnire

  • sale grosso
  • semi di papavero o semi di zucca o semi di sesamo

 

Procedimento

 

In una ciotola versate la farina.

Sciogliete il lievito in acqua calda aiutandovi con un cucchiaino o con le mani.

Aggiungetelo alla farina e mescolate con un cucchiaio.

Sciogliete lo zucchero in acqua calda e unitelo all’impasto.

Mescolate con l’aiuto di un cucchiaio.

Unite poi il miele e il sale disciolto nell’acqua.

Aggiungete un po’ d’acqua e inglobate il burro.

Cominciate a lavorare con le mani.

Una volta che il composto comincia a rapprendersi trasferitelo su una spianatoia infarinata.

Lavoratelo bene aggiungendo acqua di tanto in tanto.

Dovrete ottenere un impasto morbido e liscio.

La quantità di acqua dipende molto anche da quanta ne assorbe la farina.

Quando l’impasto sarà ben compatto formate un panetto.

Inseritelo in una ciotola e copritelo con un panno umido.

Fate lievitare per due ore in un luogo caldo.

Io l’ho fatto lievitare in forno alla temperatura di 50 gradi.

Al termine della lievitazione lavorate l’impasto con un po’ di farina giusto il tempo per compattarlo.

A questo punto formate dei piccoli panini del peso di 40 gr ciascuno.

Con queste dosi dovreste ottenere 20 panetti.

Metteteli su una leccarda da forno coperti con un panno umido e fateli lievitare per altre due ore in forno a 50 gradi.

Al termine della lievitazione scaldate l’acqua in una casseruola.

Al raggiungimento del bollore unite il bicarbonato di sodio.

Immergete i panini un po’ alla volta per 30 secondi.

Scolateli con una schiumarola e disponeteli su una leccarda coperta da carta forno.

Incidete con due tagli i panini e guarniteli con il sale grosso e i semi di vostro gradimento.

Infornateli a forno statico preriscaldato a 180 gradi per 20-25 minuti.

Lasciate raffreddare e servite.

Potete farcirli con salumi e formaggi oppure con marmellate e crema spalmabile alla nocciola.

panini di heidi

Note

Ricetta in collaborazione con Molino Orsili.

Se ti è piaciuta la ricetta dei Panini di Heidi condividila con tutti i tuoi conoscenti.

Per rimanere sempre aggiornato con le mie ricette seguimi nella mia pagina Facebook.

Se ti piace preparare il pane in casa prova anche i miei Panini ai cereali.

Ti aspetto con una nuova ricetta,

Denise

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.